Come scegliere i materiali delle ristrutturazioni

La scelta dei materiali nell’ambito delle ristrutturazioni assume un’importanza davvero cruciale. E’ un aspetto che solo all’apparenza può sembrare semplice o secondario: si lega a doppio filo alla luminosità delle stanze e all’ampiezza degli ambienti così come al livello dell’appartamento e al budget ma anche al tipo di stile che si vuole imprimere alla propria casa. Bisognerà inoltre valutare il contesto nel quale sorge l’abitazione, per esempio per ristrutturazioni a Roma si dovrà tenere conto di particolari elementi architettonici specie all’esterno.

La qualità della vita all’interno delle mura domestiche passa anche e soprattutto dal livello di comfort oltre che dai servizi offerti alla famiglia. L’impatto derivante dalla scelta dei materiali e relativi colori avrà delle ripercussioni importanti sull’arredamento. Quest’ultimo infatti verrà pianificato e dialogherà nel dettaglio con le opere murarie. Tra i materiali maggiormente impiegati nei lavori di casa ci sono cartongesso, pietra, gres porcellanato e legno.

Cartongesso

La scelta di ricorrere a un materiale come il cartongesso è il più delle volte legata alla sua leggerezza, alla velocità di applicazione e alle particolari doti di isolamento termoacustico. Scegliere di impiegare i pannelli accoppiati consente di ridurre la dispersione di calore e di migliorare la qualità dell’aria nelle stanze. Inoltre, essendo fonoisolante e fonoassorbente, il cartongesso riduce l’intensità dei suoni provenienti sia da ambienti contigui che dall’esterno. La resistenza agli urti offerta è un altro elemento da valutare, che rende tale materiale perfetto per essere impiegato in ambienti ad alto traffico come scuole e uffici ma non solo. Il cartongesso – che è anche ignifugo – può essere utilizzato per realizzare una varietà di interventi: dai battiscopa alle scarpiere passando per separé, soffitti a cassettoni e vetrine.

Pietra

La pietra è un materiale di origine naturale, capace di imprimere una nota forte di personalità all’appartamento. La sensazione di stabilità che sa trasmettere si lega a doppio filo alla storia dell’uomo. Una parete realizzata con pietra a vista renderà l’ambiente delicatamente rustico e senza tempo: l’ideale sarà riuscire ad armonizzare questi tratti più grezzi con elementi di modernità nell’arredo. I rivestimenti in pietra e mattoni potranno essere impiegati anche all’esterno: un tocco old style perfetto da inserire in un contesto country o di campagna.

Gres porcellanato

Una soluzione interessante per il pavimento, soprattutto nel caso in cui vogliate rinnovarlo senza rimuovere quello precedente, è offerta dalle lastre sottili di gres porcellanato (una tipologia di ceramica che si ottiene dalla cottura dell’argilla a oltre mille gradi). Questo materiale resiste al calpestio e alle abrasioni, inoltre ricorrendo all’aggiunta di altri ingredienti si possono ottenere effetti estetici interessanti (legno, marmo e non solo). Tra gli elementi a favore della scelta di questo materiale c’è anche un ridotto impatto ambientale.

Legno

Questo materiale risulta particolarmente apprezzato per il gradevole effetto che imprime agli ambienti. L’eleganza del legno è innata, anche per via della sensazione di accoglienza che sa trasmettere a colpo d’occhio. Rifare il pavimento con un caldo parquet, realizzare un soppalco dove ricavare un angolo bar oppure un’area giochi ma anche scegliere di effettuare piccoli interventi dove il dettaglio in legno risulta protagonista saranno tutte scelte utili a rendere l’ambiente più piacevole, familiare e rilassante.